Diocesi di Ragusa: Quarta Giornata diocesana per la custodia del Creato

Quarta Giornata diocesana per la custodia del Creato
Dalla piazza del paese alla costa dei carrubi

logoCi muoveremo infatti dalla piazza Fonte Diana di Comiso per raggiungere Cava Porcaro, un luogo ameno, ricco di carrubi oltre che di un sito archeologico. Il percorso naturalistico, lungo il quale ri-conosceremo piante ormai dimenticate, aprirà la 4a Giornata diocesana per la Custodia del Creato. “La misericordia del Signore, per ogni essere vivente”, tema dell’11a Giornata nazionale per la Custodia del Creato, farà da sfondo alle riflessioni che durante la giornata approfondiremo.

locandina-giornata-creato-2016

Guarda la Locandina

A Cava Porcaro dopo i saluti del vescovo mons. Carmelo Cuttitta e del direttore dell’Ufficio diocesano di pastorale sociale e del lavoro Renato Meli, assaporeremo, all’ombra dei maestosi carrubi, una riflessione sulla storia, le proprietà e le ricchezze dei loro frutti a cura del personale dell’azienda LBG di Ragusa.

Saverio Scerra, funzionario della Soprintendenza per i beni culturali e ambientali di Ragusa, ci racconterà la storia del sito archeologico di grotte ipogeiche con tombe preistoriche.

Anche la musica che, meglio di tanti altri modi, celebra il Creato in tutte le sue caratteristiche ci accompagnerà nelle note e nei versi del maestro Carlo Muratori che come altri siciliani, e forse più, sa far vibrare le corde del cuore e dell’anima per la nostra terra, bellissima ma al contempo, soprattutto negli ultimi secoli, martoriata.

Quest’anno hanno offerto la loro collaborazione l’Azienda Foreste Demaniali di Ragusa, l’AVIS di Comiso e la Delegazione di Ragusa del FAI.

A tutti va il nostro sentito ringraziamento.

Vi aspettiamo.

Ufficio Pastorale Sociale e del Lavoro – Diocesi di Ragusa

Evento su Facebook

Diocesi di Ragusa: Domenica 25 “Giornata della custodia del Creato”

Locandina III Giornata del creato (1)È tutto pronto per lo svolgimento della terza edizione della “Giornata della custodia del Creato” organizzata dall’Ufficio della Pastorale Sociale e del Lavoro della Diocesi di Ragusa.
Come già annunciato nei giorni scorsi l’edizione 2015 dell’importante appuntamento si svolgerà nell’area forestale di contrada Calaforno, a pochi chilometri da Giarratana.
L’appuntamento è fissato per le ore 9.30 nel parcheggio che si raggiunge dall’inizio (venendo da Giarratana) del Corso Umberto I° (l’arteria che collega Giarratana a Ragusa Ibla) e imboccando la via Savonarola per pochi metri fino all’imbocco con la via Gulfi, che si percorrerà seguendo le indicazioni “Calaforno”. In ogni caso, sarà cura dell’Ufficio collocare una segnaletica temporanea che condurrà le automobili fino al parcheggio.
Dal parcheggio si andrà a piedi (faranno eccezione non oltre tre automobili, autorizzate dalla Forestale, che potranno arrivare fino al Mulino se trasportano persone inabili) per poco più di un chilometro e mezzo fino al Mulino ad acqua, ancora oggi funzionante, luogo di ritrovo di tutti i partecipanti.
Dopo i saluti del vescovo, Paolo Urso, e del direttore dell’Ufficio diocesano, Renato Meli, dal Mulino si partirà, accompagnati da Saro Distefano e da alcuni soci del CAI di Ragusa, per la comoda passeggiata all’interno dell’area boschiva, durante la quale sono previste le soste per conoscere – dalla viva voce dei produttori – alcuni cibi “base” della nostra tipica alimentazione: il pane, i formaggi, le cipolle e il miele. Sono previsti degli assaggi, lasciando a chi volesse la possibilità di acquistare direttamente dal produttore questi alimenti.
Al ritorno al Mulino, in un clima di convivialità, si consumerà il “pasto al sacco”.
Il ritorno è previsto per le ore 16.00.
Quindi un’intera giornata a contatto con la natura per scoprire o riscoprire gli alimenti “base” dell’alimentazione umana, in un clima di pace e serenità nel tentativo di affratellare gli uomini con altri uomini e con il Creato, per costruire ponti e abbattere le barriere, di ogni tipo.

L’Ufficio della Pastorale Sociale e del Lavoro

Diocesi di Ragusa: I segreti del linguaggio del bosco per capire e custodire la natura

2a-Giornata-diocesana-Custodia-Creato-RandelloSeconda giornata diocesana della Custodia del Creato

La Chiesa italiana il 1° settembre ha celebrato la 9a giornata nazionale dal tema “Educare alla custodia del creato, per la salute dei nostri paesi e delle nostre città”. Con l’auspicio che la custodia del Creato diventi un’attenzione quotidiana di tutti e di ciascuno abbiamo organizzato la seconda giornata diocesana durante la quale saranno approfonditi sia “I segreti del linguaggio del bosco per capire e custodire la natura” ma anche il tema nazionale.

Vi invitiamo dunque il 19 ottobre per una visita guidata in cinque tappe al bosco e alla spiaggia dell’area protetta di Randello.

Programma:

Leggi tutto…